PRIMO CASO DI CORONAVIRUS A TARANTO

Carabinieri della Stazione di San Giorgio Jonico hanno arrestato, in flagranza del reato di concorso in rapina a mano armata, Francesco Agnini, di 36 anni del luogo.

Erano da poco trascorse le 19:00, quando all’interno di un supermercato di San Giorgio Jonico facevano irruzione due soggetti travisati da passamontagna, entrambi armati di pistola.

I due, sotto la costante minaccia dell’arma, si sono diretti verso le due casse appropriandosi dell’incasso pari a circa 800,00 euro complessivi.

Subito dopo, mentre uno dei due riusciva a guadagnare la fuga a piedi, facendo perdere le proprie tracce, l’altro veniva raggiunto ed immobilizzato da un cliente presente all’interno dell’esercizio.

Questi, aiutato da altri avventori, riusciva a bloccare l’uomo sino all’arrivo dei Carabinieri della locale Stazione, che nel frattempo erano stati allertati da una telefonata pervenuta al 112.

I militari hanno quindi tratto in arresto il 36enne, provvedendo a recuperare la somma contante pari a 500 euro, parte del provento dell’azione criminosa di cui lo stesso si era impossessato, e a sequestrare il passamontagna utilizzato e la pistola, quest’ultima risultata essere una scacciacani, perfetta riproduzione di una semiautomatica, munita di colpi a salve.

Al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto, in ottemperanza a quanto disposto dal Pubblico Ministero di Turno presso la Procura della Repubblica del capoluogo jonico, D.ssa Filomena Di Tursi. Sono in corso serrate indagini tese all’individuazione del complice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *