Home Cronaca PROGETTI AL PALO, IL MONITO DEGLI ARCHITETTI: “DAL COMUNE RISPOSTE VAGHE”

PROGETTI AL PALO, IL MONITO DEGLI ARCHITETTI: “DAL COMUNE RISPOSTE VAGHE”

PROGETTI AL PALO, IL MONITO DEGLI ARCHITETTI: “DAL COMUNE RISPOSTE VAGHE”
0

Dalla città vecchia, alle periferie, passando per i bandi pubblici e le opere che, potenzialmente, si potrebbero realizzare a Taranto. Conferenza stampa dell’Ordine degli Architetti Pianificatori paesaggisti e Conservatori della provincia di Taranto.
A poca distanza dalla scadenza del mandato dell’attuale consiglio, che vede come presidente dell’Ordine l’architetto Massimo Prontera, si è fatto il punto della situazione dei lavori operati fino ad ora. Entusiasmo per i grandi momenti di confronto in occasione della Festa dell’architetto, ma anche una puntuale riflessione sui progetti che riguardano il borgo antico.
“Il noto concorso di idee per la città vecchia non sarà la soluzione definitiva ai problemi – ha commentato il presidente Prontera – sappiamo della proroga della scadenza dei termini al prossimo marzo, ma noi temiamo che si perderà ancora tempo.”
“Troppe volte – è stato detto in conferenza stampa – abbiamo sollecitato il Comune a fornire chiarimenti su varie questioni che riguardano l’urbanistica, ma purtroppo le risposte in molti casi sono state poche e vaghe”.
L’ultima, in ordine di tempo, riguarda un bando sulla mobilità sostenibile con validità di soli dieci giorni per presentare i progetti. “Eravamo sotto Natale – ha spiegato l’arch.Prontera – e comunque dieci giorni sono troppo pochi per presentare un programma completo. Abbiamo interpellato il Comune tramite la direzione della polizia locale, ma ci è stato detto che i tempi non potevano essere modificati. Purtroppo, è stata un’altra occasione persa”.
Di Fabrizio Cafaro