ECCO IL NUOVO PULLMAN GRIFFATO TARANTO FC (LE FOTO)

I Militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Taranto hanno proceduto al “sequestro preventivo” di 6 mini-appartamenti ed una piscina realizzati in assenza del permesso a costruire nella zona paesaggistica soggetta a vincolo idrogeologico di Taranto/San Vito, nei pressi di Lido Bruno.
La misura cautelare reale, disposta dal G.I.P. presso il Tribunale di Taranto su richiesta della locale Procura della Repubblica, trae origine da accertamenti di natura valutaria eseguiti dalle Fiamme Gialle nei confronti di una persona che, sebbene dal 2004 non presentasse dichiarazioni dei redditi, è risultata aver affittato i predetti mini-appartamenti pubblicizzando gli stessi su siti internet.
Gli approfondimenti investigativi eseguiti hanno permesso poi di accertare, anche con l’ausilio di alcune immagini aeree eseguite dalla Sezione Aerea di Bari, che le strutture immobiliari realizzate non sono risultate inserite nelle mappe catastali in possesso dei competenti Uffici.
All’esito dell’attività sono state denunziate all’Autorità Giudiziaria, per il reato di “abusivismo edilizio” di cui al D.P.R. 380/2001, tre persone facenti parte dello stesso nucleo familiare, che sono risultate tutte intestatarie delle aree sulle quali sono stati edificati abusivamente gli immobili in sequestro, nonché di aver percepito gli illeciti guadagni derivanti dall’attività di sfruttamento commerciale degli stessi immobili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *