RAPINA A MANO ARMATA, PRESI IN DUE (FOTO)

Una banda costituita da tre persone, tutte con il volto coperto da passamontagna ed armate di un fucile a canne mozze, è entrata in azione in pieno centro abitato a Manduria. In particolare il fiduciario del gestore di un supermercato del posto, dopo aver ricevuto in consegna l’incasso settimanale ammontante a poco meno di 5.000 euro, si stava recando presso la cassa continua di un istituto di credito. Dopo qualche istante, l’uomo è stato aggredito da un individuo armato di un fucile a canne mozze, è entrato nell’abitacolo dell’auto e sotto la minaccia dell’arma ha intimato di proseguire la marcia fino a raggiungere un sentiero sterrato di campagna. Giunto sul posto, il malvivente si è impossessato dei contanti e del veicolo, dileguandosi insieme con i due complici, anch’essi con passamontagna, che lo stavano attendendo a bordo di un’altra autovettura. La vittima ha dato subito l’allarme chiamando i Carabinieri che con l’impiego delle pattuglie del NORM della Compagnia di Manduria, della Stazione di Manduria e dei colleghi di Avetrana, hanno fatto scattare il piano antirapina. Durante le operazioni di ricerca dei malviventi, i militari di Avetrana, perlustrando la zona di competenza, percorrendo una strada di servizio denominata “Arneo”, dove in più circostanze altri malviventi si erano disfatti degli indumenti utilizzati dopo le rapine, hanno trovato l’autovettura rapinata, nonché due persone, entrambe già note, originarie del brindisino, a bordo di un’auto corrispondente a quella dei rapinatori. I due, sottoposti a perquisizione personale e veicolare sono dtati trovati in possesso del denaro contante poco prima rapinato. Su disposizione del PM di turno Dott.ssa De Luca, Pancrazio Parente di 37 anni di San Pancrazio Salentino (Br) e Carlo Caragnulo 48enne di San Donaci (Br) sono stati arrestati con l’accusa di rapina a mano armata in concorso e tradotti presso la Casa Circondariale di Taranto. Indagini in corso per identificare il terzo complice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *