Home Cronaca RAPINA IN TABACCHERIA, PRESI POCO DOPO IL COLPO (FOTO)

RAPINA IN TABACCHERIA, PRESI POCO DOPO IL COLPO (FOTO)

RAPINA IN TABACCHERIA, PRESI POCO DOPO IL COLPO (FOTO)
0

I Carabinieri della Stazione di Ginosa, nel corso di specifico servizio mirato a prevenire e reprimere reati contro il patrimonio ed in genere, hanno arrestato, in flagranza del reato di rapina aggravata, due giovani del posto, un 18enne ed un 22enne, entrambi con precedenti di polizia.

Nel tardo pomeriggio di ieri, in via Roma a Ginosa, veniva consumata una rapina in danno di una tabaccheria gestita da un 78enne del posto; ad agire, due persone con il volto travisato da sciarpe e berretto che irrompevano nell’esercizio commerciale approfittando del fatto che l’anziano gestore fosse da solo. Così, una volta dentro, mentre uno dei due, poi identificato nel 22enne, teneva ferma la vittima, per impedire eventuali reazioni, l’altro complice si impossessava dell’incasso, pari a circa 150 euro, fuggendo poi a piedi per le vie del paese. I Carabinieri, che avevano già in atto un dispositivo di prevenzione, appresa la notizia, intervenivano in zona, bloccando prima il 22enne e poi il 18enne che venivano trovati a meno di un chilometro dal luogo del delitto. Il primo, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso della somma contante di 137,00 euro, che veniva sequestrato in quanto ritenuto provento della rapina poco prima commessa, e due dosi di cocaina. All’esito delle perquisizioni domiciliari, venivano rinvenuti e sequestrati anche gli abiti che, in base alle risultanze della rapida attività investigativa, i due indossavano mentre consumavano il delitto.

La vittima, condotta presso l’Ospedale di Castellaneta, veniva medicata per alcune escoriazioni giudicate guaribili in pochi giorni.

Il 22enne, in presenza del difensore, ammetteva le sue responsabilità in ordine al reato contestato; lo stesso è ritenuto anche l’autore della rapina in abitazione consumata lo scorso 16 dicembre, sempre a Ginosa, in danno di un 78enne. In quell’occasione i militari arrestavano, in flagranza di reato una 33enne, pregiudicata del posto; la stessa, in concorso con il 22enne, con il volto coperto la sciarpe, immobilizzarono a terra la vittima, percuotendola e sottraendogli la somma contante di circa 950,00 euro.

I Carabinieri, all’esito dell’attività investigativa, identificavano e denunciavano, alla Procura della Repubblica di Taranto, il 22enne il quale volontariamente si era sottratto alle ricerche dei militari. L’Autorità Giudiziaria tarantina, concordando con i risultati delle indagini svolte, proprio ieri mattina, emetteva l’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere nei suoi confronti. Il giovane, pertanto, dovrà rispondere anche di questa rapina che ha come elementi in comune con l’altra l’età della vittima ed il modus operandi.