RICERCATO, INSEGUITO E CATTURATO. ERA ARMATO

Ieri sera, a Taranto, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale hanno arrestato in flagranza di detenzione e porto di pistola clandestina e munizioni, Vincenzo SCIANCALEPORE, 45enne, tarantino, pregiudicato, già Sorvegliato Speciale di P.S..
I militari, nel corso di un mirato servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati, hanno riconosciuto, in questa via Mediterraneo a Talsano il 45enne, già attivamente ricercato in quanto destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il 04.11.2015 dal Tribunale di Taranto, dovendo espiare anni 5, mesi 1 e giorni 24 reclusione, perché riconosciuto colpevole di estorsione in concorso.
L’uomo, che indossava un casco integrale e guidava un motoveicolo Yamaha Fazer 600, alla vista dei militari, tentava di darsi a precipitosa fuga, ma prontamente inseguito dagli operanti, dopo aver impattato con il motociclo contro un marciapiede, perdeva il controllo del mezzo rovinando a terra. Immediatamente rialzatosi, proseguiva la fuga a piedi, venendo raggiunto ed immobilizzato dai Carabinieri che lo sottoponevano a perquisizione personale rinvenendo, occultata sotto il giubbotto che l’uomo indossava, una pistola a tamburo mod. Target Tropy cal. 357 magnum con matricola abrasa, pronta per l’uso e carica di 6 proiettili, mentre all’interno della tasca venivano rinvenute ulteriori 3 cartucce dello stesso calibro.
Il 45enne, dopo essere stato medicato presso il Pronto Soccorso del locale Ospedale SS. Annunziata, veniva condotto in caserma ed al termine degli accertamenti di rito, dichiarato in arresto per detenzione e porto di pistola clandestina e munizioni. Al pregiudicato veniva, altresì, notificato il provvedimento di cattura per cui era ricercato. L’uomo, su disposizione del P.M. di turno, D.ssa Ida Perrone, è stato tradotto presso la locale Casa Circondariale.
L’arma da fuoco ed i proiettili venivano sottoposti a sequestro, in attesa di essere inviati al R.I.S. di Roma per i rilievi balistici, mentre il motoveicolo, risultato privo di assicurazione, veniva affidato in giudiziale custodia a ditta autorizzata.
Nel corso degli accertamenti, al 45enne venivano contestate, altresì, le violazioni al C.d.S. per guida con patente ritirata e circolazione con motoveicolo privo di assicurazione obbligatoria per l’importo complessivo di €.5.889,00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *