RICORSO ARCELORMITTAL E GOVERNO, IL SINDACO MELUCCI E L’ASSESSORE CASTRONOVI A ROMA

Oggi il Sindaco Rinaldo Melucci e l’Assessore all’Ambiente Paolo Castronovi hanno manifestato a Roma davanti a Palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato, in attesa degli esiti dell’udienza relativa al ricorso di ArcelorMittal e del Governo contro la sentenza del TAR Puglia Sez. di Lecce dello scorso mese di febbraio, che dava in sostanza ragione al primo cittadino ionico in relazione alla richiesta di spegnimento dell’area a caldo dello stabilimento siderurgico di Taranto.
«Ci aspettiamo che il Consiglio di Stato tuteli i diritti costituzionali ed inalienabili dei cittadini tarantini, prima e meglio degli interessi delle grandi lobby industriali – ha dichiarato il Sindaco Melucci -, è uno spartiacque morale e anche strategico per l’Italia intera e il suo sistema economico. Gli altiforni si stanno spegnendo in tutta Italia e in tutti i paesi civili e moderni, per questo torniamo a chiedere al Governo un urgente tavolo per un accordo di programma che possa gestire questa evoluzione. Senza la tutela della salute ed una vera e coraggiosa transizione ecologica, tecnologica ed energetica, il PNRR sarà soltanto una farsa. L’ex Ilva può essere, in termini di credibilità, la “Caporetto” del Governo Draghi, e la certificazione di un grave declino dell’umanesimo italiano. O al contrario, può rappresentare l’inizio di una nuova epoca di ripartenza e resilienza. Vedremo se il carbone e l’acciaio valgono più della vita umana nell’Italia del ventunesimo secolo. Di certo, qualunque sia l’esito dell’udienza odierna, Taranto non si arrende e continua la sua battaglia per la vita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *