Home Cronaca “SANITÀ SERVICE”, INCONTRO CON EMILIANO, NUOVO TAVOLO DI CONFRONTO

“SANITÀ SERVICE”, INCONTRO CON EMILIANO, NUOVO TAVOLO DI CONFRONTO

“SANITÀ SERVICE”, INCONTRO CON EMILIANO, NUOVO TAVOLO DI CONFRONTO
0

Novità importanti sul fronte Sanitaservice. Si è tenuto infatti un incontro tra le sigle sindacali e il presidente della Regione Michele Emiliano. Dopo l’incontro con i confederali, una riunione fiume con il resto dei sindacati con cui si sono definiti dei punti importanti inerenti alla questione dei circa cinquemila lavoratori pugliesi “che rischiano concretamente un ritorno al passato con un pregiudizio economico e giuridico”, si legge nel verbale di incontro. Alla luce della richiesta di risposte concrete ed immediate si è giunti ad anticipare la riunione prevista per il 5 di aprile al 30 marzo in convocazione unitaria tra tutte le OO.SS. Inoltre di “discutere della circolare degli uffici regionali che mette in difficoltà la gestione dei processi organizzativi delle società in house; di calendarizzare una serie di incontri tecnico-politici che portino, entro il 30 di aprile ad una ridefinizione condivisa delle linee guida regionali, nonché alla determinazione di una strategia comune funzionale alla promozione, rilancio ed omogeneizzazione dei percorsi di internalizzazione su tutto il territorio regionale – continua il verbale -. Le OO.SS. richiedono che la Regione sospenda le procedure di gara già avviate da diverse AA.SS.LL., relative ad attività e servizi già internalizzati o comunque già ricompresi dalle attività previste dalle linee guida attualmente in vigore”.
“Siamo molto soddisfatti di come si è svolto l’incontro perché dopo dieci mesi di silenzio più totale, in cui tutto sembrava perduto, finalmente si intraprende un nuovo tavolo di trattative che siamo convinti porterà a qualcosa di importante – afferma Gianni Palazzo, Lavoro Privato Puglia -. Intanto già da domani inizieremo le assemblee con i lavoratori delle città pugliesi per discutere con loro di questo incontro e decidere insieme se revocare lo sciopero del primo aprile. Ma tutto avrà una sua conferma solo dopo l’incontro del 30.