IN SELLA AD UNA MOTO CON LA DROGA (FOTO)

Intensificati i controlli del Commissariato “Borgo”
La Polizia di Stato, soprattutto in questo periodo di esodo estivo dalla città, ha intensificato i servizi di controllo del territorio.
Il Commissariato Borgo, ha dato esecuzione all’ordinanza di sostituzione della misura cautelare per trasgressione alle prescrizioni, nei confronti di un tarantino di 39 anni con gravi precedenti in materia di stupefacenti, furto, danneggiamento, lesioni personali, sequestro di persona e violazione di domicilio.
Il 39enne pur trovandosi in regime di arresti domiciliari presso una comunità di recupero delle tossicodipendenze della Provincia, si è subito dimostrato poco incline a seguire le regole della convivenza, con rifiuto palese di seguire il programma di recupero.
Per questi motivi, il G.I.P. dr.ssa Gilli, su richiesta del P.M. dr. Marazia, ha disposto l’inasprimento della misura, disponendo la traduzione in carcere del pregiudicato.

Sempre il personale del Commissariato Borgo, nel corso della mattinata, ha intercettato e fermato due giovani a bordo di un ciclomotore, dopo averli riconosciuti per i loro precedenti di polizia.
Entrambi poco più che ventenni hanno precedenti per ricettazione, stupefacenti, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale, maltrattamento di animali, detenzione di armi, guida senza patente e sotto l’effetto di sostanza stupefacenti.
I sospetti degli operatori hanno trovato conferma.
I due sono stati trovati in possesso di due involucri contenenti della sostanza stupefacente del tipo hashish del peso complessivo di circa 3 grammi.
Proseguendo il controllo anche sul ciclomotore, il personale ha accertato che era sprovvisto di copertura assicurativa, revisione. Tra l’altro, il conducente è risultato sprovvisto della patente di guida in quanto mai conseguita.
Si è quindi proceduto al sequestro del mezzo, alla contestazione di sanzioni amministrative per un totale di 6.000 euro ed a segnalare al Prefetto di Taranto i due giovani assuntori di sostanza stupefacente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *