IL SEN. QUAGLIARIELLO PRESENTA IN PUGLIA IL “MOVIMENTO IDEA”

Una folta e qualificata presenza ha caratterizzato la manifestazione regionale di del Movimento Idea nello splendido scenario di Villa Romanazzi Carducci a Bari.

Il leader nazionale del partito, il sen.Gaetano Quagliariello, ha convocato gli amministratori locali, i quadri dirigenti, gli esponenti delle altre forze del Centrodestra, per avviare un dialogo “necessario alla ricomposizione di una area maggioritaria nel paese”.

Sulle Amministrative 2019 Quagliariello è stato molto chiaro: “Noi portiamo novità sul fronte delle idee. C’è bisogno di qualcuno che pensi alla Puglia, a Bari e alle altre province nel terzo millennio. Mentre oggi il capoluogo di regione è ridotto con un Tribunale sotto una tenda e una squadra di calcio che non riesce ad iscriversi”. Sulle liste civiche il presidente di Idea ha aggiunto: “C’è un forte bisogno di comunità. Ormai la gente si sente sola e abbandonata, fa squadra con la propria gente. Ma c’è bisogno di buona politica: non è vero che non esistono più destra e sinistra, bisogna interpretarli nel nuovo contesto”.

Il coordinatore provinciale di Taranto di Idea, l’avv. Rino Fuggiano, commenta così il dibattito emerso nel corso della serata: “Ora più che mai – spiega – in Italia e in Puglia serve un grande sforzo di unità, fondato sulle idee e sui valori di riferimento. Ci vuole un centrodestra inclusivo, allargato alle diverse realtà civiche presenti sui territori, al fine di elaborare una piattaforma programmatica condivisa e capace di far fronte alle emergenze che attanagliano le nostre comunità: immigrazione clandestina, sicurezza, lavoro, infrastrutture. L’azione amministrativa deve essere guidata da principi chiari e uomini capaci”.

Idea allarga il proprio fronte: “Il nostro partito – aggiunge Fuggiano – continua ad ampliare i propri orizzonti,in Puglia. Abbiamo registrato con grande attenzione le presenze importanti alla kermesse del sindaco di Castellaneta, Giovanni Gugliotti, dei consiglieri comunali di Taranto Floriana de Gennaro e Mimmo Festinante, che hanno portato la propria testimonianza di uomini impegnati nelle istituzioni. Contributi importanti ad un dibattito e a un confronto fondamentale con le forze sane del civismo dei nostri territori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *