SGOMINATA LA “BANDA DELLE 500”, ARRESTATE DUE PERSONE

Colpo inferto alla “banda delle 500”: I carabinieri arrestano due brindisini in trasferta.

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taranto, hanno arrestato, in flagranza, per tentato furto aggravato, un 41enne e un 24enne, entrambi nati e residenti a Brindisi, con piccoli precedenti alle spalle.

Il fenomeno dei furti di autovetture che sta interessando il capoluogo ionico negli ultimi mesi, ha indotto l’Arma dei Carabinieri a predisporre un dispositivo di prevenzione e repressione con l’incremento di pattuglie soprattutto nell’arco notturno in tutti i quartieri della città.

Proprio l’intensificazione dei servizi preventivi si è rivelata proficua e ha consentito di individuare ed arrestare i due individui, i quali erano già pronti a fuggire a bordo di due Fiat 500.

Nel corso della decorsa notte, i militari, durante un servizio di pattuglia automontata nel centralissimo quartiere “Borgo”, transitando in viale Virgilio a ridosso di via Campania, hanno sorpreso, in piena flagranza, i due soggetti, i quali, dopo aver guadagnato l’accesso all’interno delle due vetture ivi parcheggiate, forzando lo sportello tramite arnesi da scasso, erano pronti per avviare il motore e ripartire.

Il rapido intervento dei Carabinieri consentiva di bloccare i malviventi che, condotti in caserma, al termine delle formalità di rito, venivano arrestati per tentato furto aggravato e tradotti presso la Casa Circondariale di Taranto, in ottemperanza a quanto disposto dal PM di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto.

Nel corso delle perquisizioni personali sono stati rivenuti e sottoposti a sequestro un paio di guanti da lavoro di colore nero (indossati da entrambi gli arrestati) e due arnesi da scasso, in particolare un punteruolo ed una “chiave” da meccanico evidentemente utilizzati per facilitarsi l’accesso nelle vetture da asportare.

Le autovetture sono state restituite ai legittimi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *