SUCCESSO PER LE NAVETTE BUS AMAT DURANTE I RITI

L’iniziativa varata dal Comune e dall’Amat di allestire una serie di navette per raggiungere i luoghi dei Riti Sacri di giovedì e venerdì santi ha ottenuto successo.
I dati sono eloquenti: circa diecimila persone si sono servite complessivamente dei bus messi a disposizione gratuitamente nelle ore notturne, delle corse allestite in partenza dai parcheggi Icco e Oberdan e delle altre linee in partenza da diversi punti della città.
“E’ stato un buon progetto – commenta l’assessore alle Partecipate Massimiliano Motolese – sul quale abbiamo lavorato, insieme con il cda e i dirigenti dell’azienda, con particolare attenzione. I cittadini hanno dimostrato di averla apprezzata dal momento che migliaia di persone hanno preferito spostarsi con bus lasciando l’auto a casa. La circolazione stradale ne ha tratto giovamento e il traffico è risultato più fluido. E’ stato un banco di prova, per quanto allestito in un’occasione molto particolare per la nostra città, per il progetto più complessivo di una moderna mobilità che l’amministrazione e l’Amat stanno studiando”. Molto soddisfatti anche i consiglieri d’amministrazione dell’azienda di trasporto pubblico. “E’ una grande soddisfazione per noi – dice il vice presidente Giorgia Gira – per l’ottimo risultato raggiunto. L’utenza ha risposto in maniera convincente e ci spinge a continuare su questa strada. Bisogna insistere sull’utilizzazione dei mezzi pubblici se vogliamo avere una città con un traffico meno caotico e più vivibile. A questo proposito sia il Comune sia l’azienda, con il suo presidente Silvano Cavaliere, sono al lavoro per portare a conclusione entro tempi brevi il progetto di linee di collegamento rapido e puntuale tra periferia e centro città mediante l’entrata in funzione di parcheggi di scambio”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il consigliere Francesco Scarinci. “Il risultato è buono e dimostra che un’inversione di tendenza verso un uso più massiccio del trasporto pubblico sia possibile. Continueremo con altri progetti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *