Home Sport TARANTO-CIULLO: ECCO COME GIOCHERANNO I ROSSOBLU’

TARANTO-CIULLO: ECCO COME GIOCHERANNO I ROSSOBLU’

TARANTO-CIULLO: ECCO COME GIOCHERANNO I ROSSOBLU’
0

Al terzo tentativo Salvatore Ciullo arriva sulla panchina del Taranto. Sarà un nuovo tecnico pugliese, quindi, a sedersi sul punto di comando, dal punto di vista tecnico, della formazione rossoblù. Un corteggiamento che ha un inizio abbastanza lungo, iniziato da inizio giugno, infatti era uno dei tecnici che ha conteso il posto ad Aldo Papagni, in un testa a testa che ha premiato il tecnico di Bisceglie. Ma, ironia della sorte, un sondaggio sullo stesso Ciullo è stato fatto anche nel dopo Catanzaro. Ma anche in quell’occasione si è deciso di virare su Fabio Prosperi e, successivamente, Pantaleo De Gennaro, un pugliese d’adozione e uno di nascita. Dopo il tracollo di Andria, dal punto di vista del gioco e, soprattutto, della mancanza di personalità in alcuni tratti, ecco che la scelta è dovuta ricadere su un allenatore che, nelle difficoltà, è riuscito ad esaltarsi. Originario di Taurisano, l’ultima vera esperienza in panchina è stata a Martina Franca, nella stagione 2014/2015. Biancazzurri in Lega Pro, con problemi societari che si affacciavano all’orizzonte. Eppure, in 31 giornate, Ciullo riuscì a salvare la squadra, riuscendo a lavorare sulla compattezze e proprio su quella personalità di cui il Taranto ha bisogno. Da qui gli ionici devono ripartire, così come da alcuni elementi presenti in rosa. Francesco De Giorgi, ad esempio, che nella difesa e 4 era costantemente utilizzato come elemento di affidamento, completato allora da Patti e Caso, con Tomi a sinistra. Quindi novità da questo punto di vista il Taranto non dovrebbe averle, confermando l’assetto composto da De Giorgi, a destra, Som, a sinistra, Altobello e Stendardo (o Pambianchi, che deve adattarsi ad una linea a 4 rispetto a terzetto di centrali). A centrocampo due le varianti: quando la squadra deve coprirsi centrocampo a 4, in linea o a rombo, oppure a 3. Ciullo potrebbe propendere proprio per questa soluzione, dove uno degli attaccanti al fianco di Magnaghi (o Cobelli quando arriverà il pass per poter giocare) andrebbe a irrobustire la mediana. Ed ecco che torna in auge Giuseppe Pirrone: potrebbe essere lui il vero acquisto del Taranto al posto di Musacci. Un centrocampista di qualità da rivalutare, con tanta voglia di dimostrare il suo valore. Ciullo, infatti, potrebbe chiedere alla società un passo indietro e, quindi inserirlo in lista. Capitolo portiere: Maurantonio ok, Contini si affaccia prepotentemente. L’estremo difensore giovane è nelle corde della mentalità di Ciullo: Bleve era un 95, Contini 96.
Questa la formazione tipo
Maurantonio (Contini)
De Giorgi, Altobello, Stendardo (Pambianchi), Som
Maiorano, Pirrone, Nigro
Viola, Magnaghi (Cobelli), Paolucci (Potenza)

Privacy Preference Center

      Necessary

      Advertising

      Analytics

      Other