Home Sport TARANTO FC: “SQUALIFICA? GESTO PREMEDITATO”

TARANTO FC: “SQUALIFICA? GESTO PREMEDITATO”

0

Non si fa attendere la reazione dei dirigenti del Taranto alla notizia della squalifica dello Iacovone, dopo aver letto le motivazioni del Giudice Sportivo la società rossoblu ha emesso un comunicato in cui ipotizza la premeditazione nel lancio del petardo in campo, visto che lo stadio tarantino risultava da temoo diffidato: “L’obiettivo strategico è stato raggiunto:
in occasione della partita Taranto – Pomigliano, domenica 1 maggio 2016, lo stadio Erasmo Iacovone sarà vuoto.

La squalifica dello Stadio “Erasmo Iacovone” , prosegue la nota stampa, per un turno e la multa di 2000 Euro comunicata in data odierna dal Giudice Sportivo della Lega Nazionale Dilettanti giunge a seguito dell’ennesimo atto di preordinata e coordinata provocazione di alcuni sedicenti tifosi tarantini ospiti domenica scorsa presso lo stadio “Progreditur” di Marcianise.

Non è sfuggita ad alcuno dei presenti sugli spalti, nè tantomeno alle migliaia di cittadini che hanno osservato in televisione le fasi della partita, la premeditazione “scientifica” dei lanci di bottigliette piene d’acqua in campo nei pressi del portiere gialloverde, già nel primo tempo quando il Taranto conduceva per 1-3 e dello scoppio del petardo lanciato da un gruppetto di sedicenti tifosi (di cosa?) alle spalle del portiere De Lucia e la conseguente aggressione da parte dei medesimi nei confronti di tutti coloro – parenti, dirigenti e spettatori tarantini – che non avevano apprezzato il gesto o che tentavano di fermarli.

Tali episodi, perpetrati da questi pseudo tifosi ben consapevoli che ciò avrebbe potuto portare alla squalifica dello Stadio Iacovone, rientrano nella scia di analoghi avvenimenti, probabilmente generati dalla stessa mente, che così negativamente hanno segnato il cammino di questo campionato (ruote bucate al bus della squadra a Torrecuso, aggressione della squadra al rientro della partita a Torre del Greco, petardi più volte esplosi allo Stadio Iacovone, lanci di bottigliette d’acqua, atti di vandalismo a Francavilla Fontana nel dopo gara di Virtus Francavilla – Taranto).

Riteniamo a questo punto del campionato, che ciascuno dei protagonisti del mondo calcistico a Taranto si debba interrogare se, ed in quale misura, siano giustificabili ed ulteriormente tollerabili tali vergognosi e vili comportamenti, traendone le opportune conclusioni.

Bisognerà chiedersi, proseguono i dirigenti ionici, tra l’altro, quanto la disponibilità di chiunque, ad eccezione dei mestieranti del calcio o di chi è interessato alla cosiddetta “gestione dell’area tecnica” per comprensibili motivi…, possa accettare tale situazione.

Per quanto riguarda la proprietà e la Presidenza del Taranto FC1927 tale riflessione sarà effettuata a Campionato ed eventuali playoff conclusi, nella consapevolezza che, probabilmente, tali pseudo tifosi da tutto sono mossi tranne che da “AMORE PER LA MAGLIA”. Intelligenti pauca!”