TARANTO, PISTOLA E PROIETTILI IN GARAGE, ARRESTATO UN 54ENNE

Come promesso l’inchiesta sulle tangenti pagate per ottenere appalti con la Marina Militare si allarga e sembra andare oltre Taranto. Tanto è vero che tra le sette ordinanze di questa mattina eseguite dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Taranto, su richiesta del sostituto procuratore Maurizio Carbone,  spunta già il nome dell’imprenditore romano Pio Mantovani finito ai domiciliari con l’imprenditore tarantino Gaetano Abbate . In carcere, invece, gli imprenditori Giuseppe Musciacchio e Vincenzo Calabrese. Oltre agli imprenditori sono finiti in carcere :Paolo Bisceglia imprenditore siciliano (già arrestato in precedenza) , Marcello Martire, 54 anni, dipendente civile del Ministero della Difesa in servizio a  Maricommi, secondo le indagini collettori delle tangenti che finivano nella disponibilità di Giovanni di Guardo che è stato raggiunto da provvedimenti di arresti domiciliari con obbligo del braccialetto a Catania.

Le ordinanze di questa mattina sono state emesse dal gip Dr. Pompeo Carriere. Continuano le indagini, molti interrogatori risultano allo stato dell’arte, secretati e non si escludono colpi di scena.
di Walter Baldacconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *