DA TARANTO SOS AL GOVERNO: PIÙ DIGNITÀ AI VIGILI DEL FUOCO

Il primo dicembre prossimo a Roma, presso la sede delle Scuole Centrali Antincendi dei Vigili del fuoco, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella conferirà la medaglia d’oro alla bandiera dei Vigili del Fuoco “anche e soprattutto per il grande lavoro fatto durante il terremoto”. L’annuncio è stato fatto lo scorso 29 ottobre dal sottosegretario all’Interno Giampiero Bocci durante la sua visita nelle zone terremotate, presso il Comando provinciale dei vigili del fuoco di Ascoli Piceno.
Non si è fatta attendere la reazione del sindacato Conapo sottolineando che i vigili del fuoco che da anni attendono i dovuti riconoscimenti.
“Siamo di fronte – scrive il Conapo – all’ennesimo umiliante paradosso di uno Stato che con una mano ci riconosce le più alte onoreficenze e con l’altra continua a trattare i nostri vigili del fuoco come un corpo di serie B con retribuzioni di trecento euro ogni mese inferiori agli altri corpi preposti alla sicurezza pubblica e privandoli di importanti istituti previdenziali che tutti gli altri corpi hanno a compensazione dei gravosi servizi operativi” ha denunciato Roberto LISI, segretario Conapo di Taranto.
E il sindacato dei pompieri lancia una provocazione direttamente al presidente del consiglio: “lo Stato da decenni ci tratta come carne da macello e sistematicamente rinvia a chissà quando la soluzione della sperequazione con gli altri corpi, abbiamo già provato a fare acquisti con le numerose medaglie che già abbiamo ma nessuno ce le ha accettate, ora ce ne danno una in piu? Renzi – scrive Lisi- si decida a darci pari dignità retributiva e pensionistica tra corpi dello stato invece di abbracciarci”.
“E’ evidente a tutti gli italiani -prosegue il Conapo – che i vigili del fuoco non chiedono nessun privilegio ma solo la parità di trattamento, non vogliono un centesimo in piu’ degli altri corpi – aggiunge il segretario generale del Conapo Antonio Brizzi – continuiamo a ricevere medaglie, attestazioni, lodi e soprattutto le dimostrazioni di affetto dei cittadini ma nessuna vera attenzione politica per recuperare la differenza con gli altri corpi. Chiediamo inoltre piu’ assunzioni di vigili del fuoco, ne mancano 3 mila dai 32 mila previsti e le continue emergenze ne dimostrano la necessità purtroppo”.
Ubi dolor ibi vigiles (dove c’è il dolore ci sono i vigili) è l’emblematico motto dei vigili del fuoco di Roma, che rispecchia tutto il Corpo e che si rispecchia anche nei nostri pompieri di Taranto i quali da tempo si chiedono come mai i politici sono così sordi verso di loro.
I Vigili del Fuoco del Conapo chiedono da parte del governo e del parlamento piu’ attenzione nella legge di bilancio “con risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *