TENTANO RAPINA, ARRESTATO INCENSURATO SI CERCA COMPLICE (FOTO)

I Carabinieri della Stazione di Statte, a conclusione di tempestive indagini, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 19enne incensurato tarantino accusato, unitamente ad un complice in corso di identificazione, di concorso in tentata rapina in danno di un distributore di carburanti del posto.
Nel tardo pomeriggio di sabato, i due soggetti, entrambi travisati da passamontagna, ed uno dei due armato di pistola, a bordo di un ciclomotore con targa parzialmente coperta, entravano in una stazione di servizio del posto e, indirizzandosi verso il titolare, lo minacciavano con l’arma al fine di farsi consegnare l’incasso. La vittima, per nulla intimorita, reagiva ingaggiando una breve colluttazione con i malfattori, costringendoli a fuggire. In quale frangente, gli stessi incrociavano una pattuglia dei Carabinieri della locale Stazione che, prontamente attivati tramite una telefonata al 112, si stavano già portando sul posto. I due giovani, costretti ad invertire la marcia, imboccavano le vie del centro urbano, particolarmente affollato, riuscendo a dileguarsi.
Scattava una vera e propria caccia all’uomo, con l’ausilio di ulteriori pattuglie confluite sul posto, inviate e coordinate dalla Centrale Operativa della Compagnia di Massafra, la cui incalzante azione di ricerca costringeva i due ad abbandonare il motoveicolo, a dividersi ed a fuggire a piedi. Poco dopo, il mezzo veniva rinvenuto dai Carabinieri in una strada secondaria ed opportunamente sequestrato. All’interno del sottosella del veicolo veniva così trovato uno dei due passamontagna utilizzato per la tentata rapina.
Le serrate ricerche permettevano poco dopo di sorprendere per strada il 19enne, che, dopo aver tentato nuovamente di sfuggire alla cattura, veniva bloccato ed arrestato.
Il giovane, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto, come disposto dal P.M. di turno. Sono tuttora in corso le indagini finalizzate all’identificazione del complice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *