VERDI DENUNCIANO CASO DI SLOPPING

Ancora una volta stamattina si è alzato fumo rosso dall’Ilva. Episodi che ormai si ripetono quotidianamente e che fanno da scenario a questa incantevole città. Da quando abbiamo iniziato questa lotta per la vita non sono mancati momenti di panico per la cittadinanza e fatti che hanno visto come vittime gli operai e cittadini. Ancora una volta la politica rinvia la difesa della vita e non difende il nostro diritto a respirare. Mentre assistiamo continuamente a dichiarazioni che elogiano decreti del tutto incapaci di cambiare la situazione, si registrano dati allarmanti come quelli rilevati dai deposito metri per i quali Angelo Bonelli ha presentato un esposto in Procura nelle scorse settimane. E intanto continuiamo a ricevere notizie su malati e morti molto spesso giovani o bambini in un contesto in cui manca un adeguato polo sanitario che si potrebbe ottenere attraverso il potenziamento delle strutture esistenti per fronteggiare questa emergenza ben conosciuta dalla politica da decenni. Riteniamo dunque che l’Ilva rappresenta una minaccia sia per i cittadini che per i lavoratori per cui come Verdi Taranto, chiediamo nuovamente la chiusura immediata dell’impianto siderurgico, la riconversione economica per questa città e che si affronti con decisione il tema delle lacune della sanità tarantina.

La co-portavoce cittadina

Associazione dei Verdi di Taranto

Ada Le Noci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *