(VIDEO) L’INTERVISTA AL PRESIDENTE DEL TARANTO MASSIMO GIOVE

«Ci pagavano 1 euro per ogni ora di lavoro. È stato umiliante e alla fine ho trovato il coraggio di andare via». È l’ultima testimonianza raccolta dalla Slc Cgil di Taranto su presunte attività di call center definite “da sottoscala” che stando a quanto afferma la CGIL continuano a proliferare. «Nonostante committenze di tutto rispetto come in questo caso – ha spiegato Andrea Lumino segretario generale della Slc Cgil di Taranto – si sarebbero offerte condizioni di lavoro quasi da schiavitu’. Alcune lavoratrici che hanno avuto il coraggio di raccontare la loro drammatica situazione in questo call center, ci hanno spiegato che al mese ricevevano uno stipendio di 147 euro. Una somma che non basta a coprire neppure le spese per la benzina». 《Quel che è peggio – ha aggiunto il sindacalista Andrea Lumino – è che questi call center operano per grosse aziende che non sarebbero a conoscenza di quanto avviene. Intendiamo – prosegue Lumino – chiedere a queste aziende di prendere le distanze da chi umilia fino a tal punto donne e uomini costretti ad accettare qualunque cosa pur di lavorare. Vogliamo che le aziende committenti facciano una scelta etica a difesa degli uomini e delle donne – afferma ancora Lumino – costrette a percepire uno “stipendio” di 1 euro all’ora». 《Inoltre – fa sapere Lumino – alcune lavoratrici sarebbero state messe di fronte a una scelta: avere un’ulteriore periodo di prova di 15 giorni (sempre a 1 euro all’ora) oppure restare per altri 3 giorni per chiudere un contratto altrimenti era licenziata. Una di loro ha trovato il coraggio di dire basta e il sindacato ora le è accanto per tutelarla e portare avanti la lotta che le veda restituita la sua dignità di donna e di lavoratrice». Lumino, infine, ha sottolineato come questa storia abbia evidenziato la necessita’ di una profonda regolamentazione del settore che parta dai diritti dei lavoratori e non dai profitti delle aziende».
Nella foto in evidenza il sindacalista della CGIL Andrea Lumino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *