Home Cronaca (VIDEO E TESTO) AGGRESSIONE A GIANNI SEBASTIO: L’EDITORIALE DEL DIRETTORE WALTER BALDACCONI

(VIDEO E TESTO) AGGRESSIONE A GIANNI SEBASTIO: L’EDITORIALE DEL DIRETTORE WALTER BALDACCONI

(VIDEO E TESTO) AGGRESSIONE A GIANNI SEBASTIO: L’EDITORIALE DEL DIRETTORE WALTER BALDACCONI
0

Al termine della partita amichevole di calcio Fermana Taranto il nostro caporedattore Gianni Sebastio è stato malmenato e aggredito da un rappresentante della società guidata da Elisabetta Zelatore e dall’Avv. Antonio Bongiovanni. La colpa di Gianni Sebastio sarebbe stata quella di, come sempre , aver fatto bene e fino in fondo il proprio lavoro senza assoggettarsi alla linea ufficiale della società e alle immotivate restrizioni che la stessa vorrebbe imporre al non coercibile diritto di cronaca.
Un fatto gravissimo che noi indichiamo all’opinione pubblica e agli organi competenti e dirigenti del settore calcistico che evidenziano un clima di minaccia continua nei confronti di studio100 e dei suoi operatori, giornalisti e tecnici ed evidentemente alimentato anche da certe postazioni che nel settore dell’informazione, dimenticando la sana competizione, sono abituati ad agire fomentando sospetto e maldicenze che posso sfociare anche in atti violenti convinti di poter scalzare con questi bassi comportamenti chi, come studio100 e il generosissimo Gianni Sebastio, lavora per lo sport ionico da oltre 25 anni.
Nel contempo, il fermo invito ai massimi dirigenti del Taranto , Elisabetta zelatore e Antonio Bongiovanni a ripristinare il giusto clima di rispetto del lavoro di informazione di tutti anche di coloro i quali non potranno essere sempre d’accordo, come altri.
Del fatto, abbiamo naturalmente informato le autorità calcistiche, l’assostampa e l’ordine dei giornalisti mentre il nostro ufficio legale sta studiando tutti i passi per salvaguardare l’immagine di studio 100 ma anche il lavoro in libertà di tutti i nostri colleghi. A Gianni Sebastio la solidarietà di noi tutti con l’invito a continuare senza alcun timore il proprio lavoro.

Walter Baldacconi