VIOLENZA SULLE DONNE, DUE ARRESTI A TARANTO

gli Agenti della Polizia di Stato in due distinti interventi hanno tratto in arresto due uomini, un 38enne di origine rumena e ed un giovane tarantino di 25 anni perchè avevano usato violenza alle loro rispettive compagne .
Intorno alle 18,00 di ieri gli Agenti delle Volanti, intervenivano in una abitazione ubicata nel centro cittadino, dove era stata segnalata una violenta lite in famiglia. Giunti sul posto i polizotti venivano contattati da una donna di nazionalità rumena di 35 anni che, in evidente stato di agitazione ed in preda ad una crisi di pianto, chiedeva il loro aiuto. La 35enne si era rifugiata in casa di una vicina dopo l’ennesima violenza del suo convivente, un connazionale di 38 anni. La donna dopo essere stata rassicurata dai polizotti veniva accompagnata negli Uffici della Questura per tutte le cure e le incombenze del caso. Dal racconto della vittima, si apprendeva che la stessa era sottoposta da circa sei mesi a continue violenza fisiche e psichice da un uomo che aveva conosciuto nel dicembre 2015 e con il quale dopo breve tempo era andata a convivere. Alemeno cinque gli episodi di estrema violenza raccontati dalla 35enne agli investigatori, tra i quali anche quello di aver subito con una lametta l’incisione del nome del compagno sul petto. Dopo aver raccolto le testimonianze della donna, i poliziotti procedevano all’arresto dell’uomo che, già in precedenza era stato fermato ed identificato. Al momento dell’arresto il 38enne rumeno, accusato anche di violenza sessuale, era ancora in evidente stato di ubriachezza.
La donna veniva poi condotta in una struttura protetta.

Dopo alcune ore, intorno alla mezzanotte , gli Agenti della Volante procedevano ad altro intervento per una lite in famiglia. Nel frangente, una donna di 28 anni denunciava, anche in questo caso, l’ennesima violenza subita dal suo convivente.
L’uomo, un tarantino di 25 anni, ubriaco, l’aveva percossa dopo un diverbio per futili motivi, per poi allontanarsi. L’appartamento, teatro dell’aggressione, si presentava a soqquadro e la porta del bagno presentava evidenti segno di un pugno sferrato dal giovane allorquando la sua convinete era riuscita a sfuggire alle sue violenze rifugiandosi in bagno. La donna, con evidenti lesioni sul corpo raccontava ai poliziotti di essere spesso vittima delle violenze del compagno abituale assuntore di sostanze alcoliche.
Mentre erano ancora in corso i rilievi, il 25enne, ancora in stato di ubriachezza, faceva ritorno nella casa e con atteggiamenti provocatori cercava di aggredire anche i polizotti presenti.
Portato alla ragione, il giovane veniva condotto negli uffici della Questura e dopo i rilievi di rito, veniva tratto in arresto anche per resistenza e Violenza a Pubblico ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *